Pubblicato il

I cowboys di Sheridan quando di sera incontrano una signora sconosciuta fuori da un locale fanno un piccolo cenno con la testa e salutano dicendo: “Good evening”. Non avevo mai sentito nessuno salutare con un “good evening” in America. E ho capito cosa significa essere una signora.

Quando i fumatori di pipa del Montana mi hanno parlato in un americano a cippa, io non ho capito una fava.  Soprattutto perchè, se tieni la pipa fra i denti mentre parli, diventa tutto davvero incomprensibile. Ho capito però che quelli del Montana ridono senza ridere. Muovono solo un impercettibile muscolo sotto gli occhi. A seconda di quante rughine si formano, la risata è più o meno lunga.

Se una signora Cheyenne dell’Oklahoma a Rapid City ti abbraccia commossa perchè le hai detto d’essere stata sul Trail of Tears e che alla Devils Tower ti sei nascosta tra le rocce del sentiero per non essere disturbata dai turistidemmerda che facevano casino e che trovi vergognoso che il governo consenta di arrampicarsi sulla roccia, chi sei tu, donna quasi bianca, per negarti i tuoi stessi meriti e rifiutare un invito nell’Indiana a conoscere i figli Cheyenne di Buffalo Heart?

Quando, dopo quasi un’ora di attesa con sbuffetti e sputazzi, l’Old Faithful ha schizzato il suo possente getto, bianco e caldo, alto verso il cielo, ho pensato: “Apperò! Interessante… “.

Se vuoi conoscere un harleysta americano guarda ammirata la sua Harley e quando l’harleysta si avvicinerà, tu con la voce da bambina chiedi: “Could I take a picture?”. Anche se hai altre 8767654230 foto di Harley. Se l’harleysta ti inviterà a salire sull’Harley per la foto, allora di sicuro poi ti chiederà se vuoi una birra.

Grazie alla mia diletta sposa e grande ammora Bakaneko, alla Signora Germoglia che è miele dolce da succhiare, a quella meraviglia di Poetella che scrive usando le rune magiche, a Marco, a Giampiero e a quel cazzone giocoso di Incredibol per avermi accompagnata con i loro messaggi lungo il mio viaggio.

Ma ora che qualcuno cortesemente mi riporti SUBITO in America. Che io qui non so chi sono.

Annunci

36 risposte a “

  1. poetella

    prima clicco me piace…e poi leggo…
    famo a fidasse, va’…
    viva Tillaaaaaaaaaaaaaaaaa!

  2. poetella

    te lo dico io chi sei.
    così te lo ricordi ogni tanto:
    SEI ‘A MEJOOOOOOOOOOOOOOOOO!

  3. bakanek0

    Splendore del mio cuore, tornasti!
    Con qualche dollaro in meno e luci nuove negli occhi…ah, come mancasti al tuo ammmore….
    ……e già vuoi ripartire?
    ‘spetta che metto due straccetti in borsa: questa volta vengo pure io!

    • Ammmore sì, giusto due straccetti che io ti porto al Sud dove ci si può vestire di nulla.
      Andiamo a Las Vegas a sposarci. Un bel matrimonio di quelli pacchianissimi.
      Approposito ammmore ce l’abbiamo sempre quella stanza in più a casa, vero?

      • bakanek0

        Pretendo il falso Elvis, la coppia anzianotta e losca che celebra il matrimonio, la giocata al tavolo della roulette, a puntare la data del dì in cui mi impalmi, e l’hotel con le vetrate all’ultimo piano.
        La stanza in più? Sto facendo costruire un’intera dependance! Ti sei portata il cauboi?

      • Il finto Elvis è d’obbligo. Possiamo radunare un sacco di finti qualcosa, sulla Fremont è pieno e facciamo un matrimonio da starsss.
        Un cauboi in senso stretto no, però non si sa mai…

      • bakanek0

        Sai che non posso negarti nulla, mia adorata!
        Secondo me, sbanchiamo il casino, ci sposiamo, divorziamo e ci risposiamo, ci mischiamo tra la folla, cantiamo tutta notte in abito da sposa e la boccia di champagne in mano e comprendiamo il senso della vita.
        Che te fa?

      • Me fa bene me fa.
        A dirla tutta, del senso della vita me ne frega una cippa oramai.
        I sensi (significati) se li tenesse chi li va cercando. Io preferisco altri sensi. Son tutta un doppio senso.

      • bakanek0

        Io penso che anche il senso della vita sia un doppio senso. Da percorrere in lungo e in largo, senza divieti.
        So’ anche filosofa, ammmore, che ci vuoi fa’!

      • Ammmore a me la filosofia me fa tutt’un effetto che ho gli occhietti che brillano…
        Il contrario della poesiademmerda, insomma.
        Filosofiamo insieme.

      • bakanek0

        ohhh siiiii, il cielo stellato sopra di noi e la legge morale dentro di noi. E lo champagne.

  4. Oh, Cuore!!! Cara la Mia Tilla che vuole ripartire, io la mia valigia non l’ho riposta, che dopo l’Ontario volevo andare su a cercare l’oro nel Klondike. Una botta di fortuna, hai visto mai! Magari troverei anche un papero amoroso, mi farei fare da lei la presentazione, naturalmente in coro con Baka, che come mi vedete voi io mi sento una divinità.
    Bentornata tostissimo caramello di Donna.

    • Germoglia, ripartire subito! Già ciò i cojoni sfranti. E infatti la Grande Minchia celeste piove e grandina, come al solito, in armonia.
      Lei, Germoglia, è un tesoro da scoprire. Io lo so, ma non lo dico a nessuno, prima che qualcuno cerchi di rubarlo. Je tajo le mani!

  5. KnockOut ⋅

    Calamity Jane è tornata in sella, al contrario, ma in sella. Insomma col corpo ma non con lo spirito.

    A proposito, ti sono grato (io) per avermi coinvolto nel tuo viaggio, di cui ho respirato il profumo. Senza contare che, senza di te, non avrei mai potuto brindare , a bourbon, in un saloon di Sheridan col mitico Buffalo Bill !

    Poi, un giorno, mi racconterai perché l’America è il tuo posto.

    • Giampi, sapessi che brutta vita ha avuto la povera Calamity… che son tornata come al solito con papielli di biografie sforando il peso del bagaglio, ma sticazzi.
      Son stata sulla sua tomba a Deadwood: Wild Bill cià un mezzo busto e lei solo una targa sul muro. Ma che cazzo!
      Eddai vieni in America con me, che lo scopri da solo perchè è il mio posto…
      Ma mi sa che faccio prima se te lo spiego io, vero?

  6. Tilla, saluti da San Diego (CA).
    Moviti che aprono gli outlet a Tijuana si va a fa sciopping!!

  7. Kiu Kuras ⋅

    Ma l’Harleysta la offrirebbe anche a me la birra o è una questione di cu.. di fortuna?

    Sei in splendida forma.

  8. dorotea

    Un paio di cowboy del Montana incontrati a Santa Fe mi hanno descritto il Montana come il posto più bello del mondo. E hanno argomentato con “Mucche. Montagne… Mucche. Montagne… Mucche. Montagne…”
    Ecco. Erano anche parecchio ubriachi lerci.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...