Pubblicato il

Messaggi

1) Stasera quando sono tornata a casa e davanti allo specchio inclinato mi spogliavo lasciando gli anfibietti per ultimi ho ascoltato nuovamente la tua voce dirmi le stesse parole di ieri sera nella stessa situazione. Mancavano i tuoi occhi e il tuo sorriso. Li ho dovuti sostituire con i miei. E poi cancellare il ricordo.

2) Mentre tornavo a casa poco fa dopo averti accompagnato alla macchina, sono ripassata di nuovo di fronte al mio amico che chiede i soldi in ginocchio sul marciapiedi e che però il caffè deve offrirmelo lui. Mi ha fermata, mi ferma per parlare solo se sto da sola. Mi ha detto: “Sai perchè tu sei la più bella di tutti tutti?”. Ho sorriso: “Ma che stai a dì?”. “No davvero tu sei la più bella. Perchè tu sei quella con il cuore più grande. Hai il cuore grandissimo”. Io mi sono sentita morire. Gli ho dato un bacio sulla guancia e sono volata via perchè mi veniva da piangere.

Ecco, questo volevo dirti. Che quella è la vita vera. E anche se noi ci cerchiamo alternative che spesso sembrano farci soffrire, in realtà è anche per coprire con nuovi dolori dolori ben più profondi. Però la vita vera io non me la dimentico mai e i dolori preferisco mescolarli tra loro e schiacciarli con la gioia di un bacio su una guancia. Sei bello, dentro. Del fuori mi occupo in altro modo. Ricordati solo di dare a Cesare quel che è di Cesare.

3) Quando mi hai detto sorridendo che con gli occhi truccati in un certo modo somiglio al mio gravatar e cioè al fotogramma di Metropolis in cui Brigitte Helm è trasformata da donna predicatrice di giustizia e pace nel robot incarnazione della meretrice di Babilonia e strizza l’occhio, probabilmente non sapendolo mi hai fatto un complimento bellissimo. Perchè è esattamente ciò che vorrei. Pur sapendo che non accadrà mai.

4) Scozia. Sulla costa di fronte alle Ebridi. Una casetta con il portichetto davanti, di quelle tipiche. E il portichetto pieno di statuine di gatti di tutte le dimensioni. Le tendine alle finestre e il giardino pieno di fiori. Dentro, quelle scale mortali scricchiolanti ricoperte di moquette e camere da letto che siano abbastanza per noi e gli ospiti. Un po’ fuori da un villaggetto di quelli con il caffè che il pomeriggio si prende il tè con gli scones e il burro e un negozietto fish and chips sulla strada. E vicino alla casa una di quelle librerie nel nulla zeppe di libri usati che odorano di umido. Whisky di torba e odore di salmastro. La Germoglia e fossettini e amici “provati” ogni volta che lo desiderano. Io e te a scrivere e ridere ridere ridere e silenzi lunghi fatti di sorrisi senza parole. E nessuno che sfracassi le palle con piagnistei, invidie, gelosie, cattiverie, violenze, falsità, ipocrisie e rotture varie. Perchè alla fine ammmore mio, l’unica che amo sei solo tu. Solo e soltanto tu.

Annunci

7 risposte a “Messaggi

  1. “L’aspetto individuale, ciò che ci rende riconoscibili, in verità è un fatto puerile. Al di sotto, tutto è buio, deformato, insondabilmente profondo; ogni tanto riaffioriamo in superficie, e così veniamo riconosciuti.” Gita al faro, Virginia Woolf
    Intanto preparo il cesto per la merenda.
    Io adoro lei, mia Tilla e adoro Baka

  2. rodixidor

    Molto bello questo post, se Joe Cocker l’avesse letto avrebbe riscritto la sua famosa canzone cambiandole il titolo in “You can leave your shoes on” 🙂

  3. Erre

    I dolori profondi, quelli che creano voragini nell’anima… nel tentativo di colmarli c’è il rischio di finirne risucchiati per sempre.

  4. con queste tue parole mi hai trascinata dento il vortice dei tuoi pensieri..gongolo

  5. Kiu Kuras ⋅

    Ci sono volte in cui mi porti talmente dentro di te che vorrei chiudessero la porta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...