Pubblicato il

Devo scassare la minchia ancora e subito subito subito. Devo devo.

Troppo spesso ormai, TROPPO, leggo tra post e, soprattutto, commenti affermazioni (che sono un riflesso per me evidente di una communis opinio e di un modus vivendi che mi fa schifo) in cui si usa il NOI al posto di un IO che sarebbe decisamente più opportuno.

Oppure me lo specifichi: mi scrivi “uso il plurale majestatis ma in realtà mi riferisco solo ed unicamente a me stesso, perchè probabilmente molti altri non sono così”.

Che fai? Te spappardelli la responsabilità su una massa informe così te senti mejo? Ennò. Ognuno si tenga le proprie!

Esempio: “Noi ormai siamo capaci solo di fare la rivoluzione dietro un monitor comodamente seduti nelle proprie case“.

Parla per te! Dì che TU non sei capace. E soprattutto famose a capì: come pensi si faccia una rivoluzione? Con il tè e i pasticcini? No, perchè se tutti mi sbragate i cojoni con la storia della violenza e delle armi e dei blablabla, allora poi fate pippa, muti dovete stare e tenervi le vostre frasi del cazzo da demagoghi da du lire.

Esempio 2: “Noi siamo in grado di comprendere solo ciò che è vicino e che conosciamo“.

Pure tu, cazzo, parla per te! Che a buon bisogno non capisci manco ciò che ti è vicino e conosci. Manco se uno te fa er disegnino.

Noi.

Noi un cazzo!

Scrivetelo: IO NON SONO CAPACE, TU FORSE SI’.

Annunci

49 risposte a “

  1. firesidechats21 ⋅

    Ho letto questo post ridendo tantissimo. Poi mi sono reso conto che anch’io uso molto il plurale per dire cose che, effettivamente, sono io a pensare e quindi niente, d’ora in poi scriverò e commenterò con l’ansia.

    No ma grazie eh! D:

  2. bakanek0

    Noi non siamo capaci, tu forse sì
    Noi non siamo capaci, tu forse sì
    Noi non siamo capaci, tu forse sì.

    Alle prefiche spagogne di mastigrancazzi è concesso usare il plurale.

  3. poetella

    io so’ capace de fa’ ‘n sacco de cose.
    Certe che serveno.
    Certe che no.

    E annamo, allora! No?

  4. cavallogolooso ⋅

    noi non capiamo, ma tu si

  5. marco

    Sempre pensata questa cosa, specie per quanto riguarda gli intenti politici, il noi è impossibile da utilizzare

    • Che è? Sei risuscitato secondo le scritture e siedi alla destra del padre?

      • marco

        Sì, gli ospiti si siedono sul lato destro del divano verde : )
        Uno non può resuscitare, quando uno muore è per sempre, così come quando uno vive. E’ un po’ come i gioielli. Toglietemi tutto ma non la mia Tilla.

      • Il lato destro, dove c’è la lampada che fa la luce bella e basta allungare un po’ il braccio per prendere Husserl e Heidegger…
        Sono senza parole. Difficile farmi tacere.

      • marco

        Fare tacere te? Ricordati che Brunnhilde è stata zitta solo tra la fine del “Siegfried” e l’inizio del “Gotterdammerung”, dunque di un periodo di per sè irrilevante ai fini della storia. E che Siegfried era un gran COGLIONE!

      • Sigfrido andrebbe preso a pizze sul coppino, dietro la nuca, ripetendo per ogni schiaffo: “Che cazzo fai l’arrogante presuntuoso che sei un cojone che non capisce una sega?”.
        Pure Brunilde però…tanto fica, tanto forte, tanto maestosa…ma che cazzo te vai a innamorà de un cojone spocchioso e stupido come una pera fracica e sfranta in terra?

  6. rido fortissimo, ma è quasi mezzanotte, forse i vicini…ma sticazzi i vicini!
    grande tilla!

  7. Emilia

    Molto molto molto cioraniana. Google non m’è d’aiuto, domani prendo il cartaceo e ti cito il passo (mi pare fosse da Sommario di decomposizione).

    Ecc’hairaggione, Tilla. Parla-per-te,
    E’ un mondo di mezzeseghe, senza nemmeno il coraggio di esprimere nulla che non sia edulcorato, se non nascondendosi dietro al paravento del “noi”. Che urto.

    • “Cioraniana”? Mi hai dato della “cioraniana”? Devo masturbarmi subito, cazzo!

      Mezzeseghe è perfetto per esprimere ciò che avevo in mente. Mezzeseghe di blablabla cui, non solo non seguono fatti, ma pure i blablabla sono soporiferi e stucchevoli.

  8. E la gente (il popo-lino) di cui sopra è pure convinta di ciò che dice, in quando crede di fare del bene all’umanità definendosi “noi”.

    (Mia Tilla, ma lei mi comincia muovere le folle come Grillo!!!)
    La bacio

  9. rodixidor

    Brava ! Mi pare un giusto appello. Se usassimo sempre la prima persona singolare eviteremmo di scriver cazzate e ci abitueremmo al senso di responsabilità.

  10. Noi ….. io e me stessa qui accanto a me … siamo molto contenti di quello che hai scritto …
    eccihaiunastracazzodiraggione …
    hahaahahhahahahaah

  11. Un'Allegra Ragazza Morta ⋅

    Piangio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...