Pubblicato il

Oggi ho la faccia da platessa.

Che non è un modo di dire, è proprio uno status. Certificato, assodato.

E non è per la telefonata di ieri, che, anzi, è stata una botta di vita. Un rimestare nella vecchia merda che, in qualche modo, ti fa apparire la solita merda un po’ più briosa. E poi se mi si fornisce occasione di lottare al fine di distruggere io son sempre contenta. Purchè mi sia consentito quel finale. Senza se e senza ma.

Non è nemmeno per il tablet che all’improvviso si rifiuta di accendersi. E io lo so perchè lo fa: sa che non l’ho mai amato. C’è sempre stato distacco e diffidenza, reciproche. Così ho riesumato l’Asus, che, invece, ho sempre amato follemente. E questi mi ha fatto presente un certo rancore per il prolungato silenzio ed abbandono. Ma è bastato eliminare la batteria. Asus ti amerò per sempre, lo sai. Anche da lontano e in silenzio.

Che sia perchè lunedì ricoverano un’altra volta mia mamma? Per un “pezzetto” di intervento. E’ molto orientale, molto zen. Si fa tutto a pezzettini, piccoli. Anche gli interventi.

O Emilia Paranoica che mercoledì ha davvero esagerato? Perchè doveva venire alla cena per il compleanno di V. e io son corsa fuori per comprarle il regalo per il suo (di Emilia) compleanno, perchè noi si fa i compleanni vicinivicini per spaccarci meglio le balle. Ed Emilia ci ha provato a chiedermi anche di comprare il regalo da parte sua per V. (come l’anno precedente) e stavolta mi sono rifiutata. Ma, mentre ero fuori per comprare il regalo per Emilia, mi ha telefonato Ares chiedendomi di comprare il regalo da parte sua per V. Così sono andata in libreria. E io non devo mai andare in libreria da sola. Mai mai mai!!! Dico solo che i commessi mi hanno preso per il culo e dietro di me s’era creata la fila alla cassa. Non dirò nemmeno sotto tortura quanto ho speso.

Poi son corsa a casa che ero in ritardo, è arrivato Ares e, mentre mi truccavo per uscire e lui mi raccontava i suoi problemi con la sua nuova tizia, ha telefonato Emilia dicendomi che, non solo sarebbe venuta dopo cena, ma, spaturniandomi a morte tra una passata di mascara e l’altra, mi ha sfranto con le sue paranoie con il tizio di sua spettanza.

No no non è finita. Mentre ero in macchina verso il restaurant mi ha richiamata dicendo che proprio non ce la faceva a venire. Però aveva taaaaanto bisogno di me e quindi mi ha chiesto di chiamarla al mio ritorno a casa dopo la cena, a qualsiasi ora! Che tanto stava così male che avrebbe passato la notte in bianco. Tuttavia, tornata a casa, mentre mi apprestavo a pormi il supporto fissacoglioni onde evitare la caduta repentina, mi ha inviato un sms dicendomi che era troppo tardi (scusami tanto eh se ero fuori a cena), troppo stanca e quindi buonanotte. E grazie no? No.

O invece saranno i miei compagnucci mandaLini? Che ieri appena sono arrivata m’hanno guardata imbronciati dicendomi aciduli: “Non hai inviato la mail per la cena”. Aò scusate tanto, ne abbiamo parlato martedì, oggi è giovedì, la cena è la settimana prossima, scusate se esisto. E poi, ma che cazzo! Non è nemmeno stata mia l’idea della cena! Vabbè, non importa. Sondo il terreno, si decide il giorno, bene. Appena tornata a casa ieri ho SUBITO inviato sta cazzo di mail, chiedendo conferme.

T’ha risposto qualcuno a te? Hai ricevuto qualche mail? Che me scassate il cazzo a fare allora? E vabbè, vabbè.

No, non lo so cos’è che mi ha fatto venire la faccia da platessa. Non lo so. Ci vogliamo mettere pure i filosofi scassaminchia, i non caganti merdosi, l’insonnia del cazzo, la pec in scadenza e duemila altre cose che manco scrivo?

Non lo so. So solo che l’unica cosa da farsi in certi casi è andarsene affanculo. Togliersi dal cazzo di sé stessi.

E quindi mo con armi e bagagli mi trasferisco a casa di V. così aiuto la signorina C. con l’ufficio stampa per il quale smadonna da giorni.

Sì sì, levamose proprio dal cazzo.

Sì, ma com’è la faccia da platessa?

Ah sì, giusto, è questa:

pesci_di_mare_platessa2

pleplas1-300x225

Pleuronectes_platessa.carrelet02

jcs-pleuronectes-platessa-34751

Annunci

10 risposte a “

  1. firesidechats21 ⋅

    Sfancularsi via è molto terapeutico, confermo.

  2. mannaggia non ci becchiamo piu’ tilla…….
    un bacio…….

    marcello………bona la platessa……

  3. Faccia da cernia sarebbe stato peggio.

  4. marco

    Troppo forte la platessa : ) ora che ho visto come è carina non la voglio mangiare più

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...