Pubblicato il

Non voglio ricordarmi attraverso il tuo specchio la mia anomalia.

Ci fosse un circo per quelli come me, avrei un posto adeguato in cui esibirmi e colleghi di lavoro ai quali raccontare i miei incubi preferiti.

Alla fine dello spettacolo le famigliole camicie a quadretti e maglioncino di finto cachemire comprato al banco del mercato del sabato mattina applaudirebbero sorridenti e tornerebbero ai loro lunedì di vera regolarità, vera come il loro cachemire, con tutte le convinzioni del caso e l’uso costante della prima persona plurale nei discorsetti di amore e dolore e colore e pallore e fetore e.

Oh che buffi, che strani, chissà come fanno? Quale sarà il trucco? Mamma papà ma davvero si fanno male? Ma no, è tutto finto, c’è un trucco. Mica segano davvero in due una donna, il sangue è finto, i coltelli hanno le lame di gomma e il mondo è un posto bellissimo con tanto amore in cui non ci si deve fidare del vicino o del nonno o della socia della mamma e i froci si chiamano gay.

Chiuderemmo i tendoni la notte e tra di noi con il sorriso affilato potremmo scambiarci lembi di pelle e sussurrarci le migliori storie e scrivere assieme finali diversi, rappresentati all’impronta dai più volenterosi. Lasceremmo gocciare il veleno dal sangue e lo distilleremmo in apposite fiale di cristallo blu. Oppure potremmo guardarci in silenzio, sospettosi e guardinghi, nell’attesa della prima mossa del nuovo gioco. Quello senza regole.

Se ci fosse un circo per quelli come me, mi inciderei sulla guancia destra un piccolo quadrifoglio e aspetterei il giorno seduta su un tavolo di legno indossando una gonna a balze, con le gambe penzoloni, cantando in una lingua sconosciuta.

Se ci fosse un circo per quelli come me, mi morderei le labbra ridendo, lancerei in aria fiaccole infuocate e scriverei sulla mia porta “DO WHAT THOU WILT”.

No, non ti sveglierò stanotte, amore mio.

Non c’è un circo per quelli come noi.

Annunci

50 risposte a “

  1. Emilia

    Sai che ci pensavo proprio oggi a quanto dolore si crei e si subisca per colpa delle infanzie felici e dell’adorazione della razionalità, contrapposte alla vergogna del sapersi animali. È tutto sesso e surrogati di esso. Sì, sì, filosofia e matematica e, ma alla fine is all about guts (and trusting them). Ti abbraccio.

  2. Perché dovrebbe esistere un circo per quelli come noi?
    Ci si confonde benissimo nella folla, siam bravi a mascherarci simili a loro.

  3. The joy of life consists in the exercise of one’s energies, continual growth, constant change, the enjoyment of every new experience. To stop means simply to die. The eternal mistake of mankind is to set up an attainable ideal.

    Do what thou wilt shall be the whole of the law.

    (Aleister Crowley)

    • Love is the law, love under will.

      All my life I strived to gain insight to things that sacred most men
      Through the dungeons of the mind I learned the tricks playing with fire.

      O schaudre nicht! Laß diesen Blick,
      Laß diesen Händedruck dir sagen
      Was unaussprechlich ist:
      Sich hinzugeben ganz und eine Wonne
      Zu fühlen, die ewig sein muß!
      Ewig!- Ihr Ende würde Verzweiflung sein
      Nein, kein Ende! Kein Ende!

      E anche per oggi ti ho scassato la minchia a sufficienza.

      • Ma stai scherzando!? Tu puoi scassarmi la minchia quanto vuoi… sempre… comunque… in ogni caso…
        Un commento così in tedesco è il top! 🙂
        [e fortuna che lo capisco anche ehehe]

      • Non te lo avrei scritto nella sua lingua originale se non sapessi che l’avresti capito.
        Seguivo un filo logico nelle citazioni.

        No no non mi piace scassare la minchia: my ecstasy is in yours.

      • Già, avevo notato. E per questo che tu, Tilla, fra tutti gli umani, sei la mia preferita! E sai che puoi fare quello che vuoi… quello che vedi dall’Olimpo è tutto tuo.

      • Sire io desidero ciò che vedo sopra l’Olimpo, non ciò che noiosamente si estende al di sotto.

      • Perciò tu vuoi… Reach For The Sky?

      • Desire manifests with endeavour
        A form of spiritual eroticism
        Magic is a goblet that seems hollow
        A fountain strives to fill It to the brim

        Magic loves infinity

        Avrei dovuto chiamarmi “Bramante” di cognome.

      • Yes… ma tu che mi piazzi la Carne Settica così… non è male. Un colpo interessante. Perfettamente intarsiato nel tuo essere.

        Das glühende Kruzifix
        In Scheide und Arsch
        Bibelhure
        Der Phallus ist dein gott

        Crawl to me
        Lass mich fliegen
        Kneel before me
        Lass mich dich lieben

        TANZ DER TEUFEL ‒ auf Gluht und Asch
        Blazing desire ‒ raging higher
        TANZ DER TEUFEL ‒ auf Gluht und Asch
        DISCIPLINE THROUGH PUNISHMENT

        (Belphegor)

      • Il tuo, invece, è un colpo mortale!

        Nessuno avrebbe potuto uccidermi con tanto piacere.

        Giaccio esanime, mio Sire.

      • ‘Sti tedesconi (meglio, austriaci) dei Belphegor hanno un deciso amore verso Bondage e Satanismo… eheheh

      • E poi, cara, se citi Faust….

      • Se non “avessi saputo”… sò ancora sotto effetto della roba di ier sera.

        Si il Faust, lo Streben, la tensione frustrata, la True Will e compagnia bella. E’ tutto un insieme per me.
        Però ti ho dato della Margherita…

      • Non preoccuparti, io parlo l’italiano bricolage. Lo creo al momento.

        Già, la posizione femminile mi sta stretta… ma per te, O Sanguinaria Signora delle Tenebre, posso essere quello che preferisci… E poi non ho cedimenti, la mia bellezza mi sorregge e mi rende, al momento, garrulo.

      • So quanto tu sia audacemente e fieramente maschio e così ti adoro.

      • Diciamo anche belluinamente maschio (soprattutto verso sera…)

  4. harahel13

    Riesco ad immaginarti in quel circo vestita con una gonna a balze mentre canti una canzone in una lingua sconosciuta. Comunque se ci fosse un circo così vorrei viverci anche io!

  5. bakanek0

    “every man and every woman is a star”

  6. rideafa.

    non ho commenti sul post-it, a parte uào.

    però volevo dirtici che io ho fatto un anno arte circense.
    lo scorso anno. tipo trapezio, corda e tessuti. e pure il cerchio tipo maginca magica emy. un culo fotonico, èh. volevo anche proseguirlo, ma poi vabèh, discorsi.

    chiaramente quelle come me arte circense la fanno con scarsi risultati.
    sarà la parola arte a far venire l’uggia ai miei muscoli.

  7. Il più è leggere il meno, capire. Quello che scrivi è vero, così. 🙂

  8. randagia1

    Son giunti tutti gli spettatori del circo o manca qualcuno all’appello?
    Io mi piazzo in prima fila ma le fiale trasparenti…mai blu che falsano il colore. Tilla, Tilla che forza c’hai dentro!

  9. Topper

    Odio il circo. E’ colori, spettacolo e fantasia racchiusi sotto un tendone e dentro le gabbie. Per giunta a pagamento. Non ti ci vedo proprio. Né a te né a chi ti sta vicino.

    • Il circo è una metafora.
      Dal mio punto di vista sono ingabbiati tutti coloro che ne sono fuori: ingabbiati nei luoghi comuni, nella quotidianità più trita, nella menzogna, nel conformismo.
      Il tendone isola la libertà del proprio essere e del proprio volere dalla gabbia di false convenzioni esterne.
      Dal mio punto di vista lo spettacolo è reciproco: quello noioso osservato dai circensi di una folla di globalmente uguali e quello dei paganti che osservano la libertà pensando che sotto ci sia un trucco.

      • Topper

        Stessi concetti e stessi valori, i miei e i tuoi, espressi da punti di vista totalmente opposti. Tu però hai utilizzato molto meglio la metafora, non posso che condividere.

  10. di getto, di panza la prima cosa che mi è venuta in mente leggendo le tue parole.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...