Pubblicato il

Stanchezza, fisica, solo fisica.

La testa lavora sveglia, sveglissima.

Un principio di influenza, mal di gola, ossa infastidite. Robetta pallosa, niente di che. Seccante che mi rallenti.

Processo pensieri ad una velocità che, quasi distaccandosi da me e guardandomi con disprezzo, mi sibilano richieste di massima attenzione e un ritmo ancora più celere.

Mi sembra che le persone parlino come in scene al rallenty e divento intollerante e isterica quando devo ripetere due volte la stessa cosa.

Ogni tanto il corpo mi dice: “Ammerda! Dammi un tozzo di pane secco”. Tendo a dimenticarmene. Lo accontento con pizza bianca secca e dura come una lastra di marmo, arraffata  da qualcosa in cucina e masticata mentre già cammino per strada.

Davanti ai mandaLini ancora non hanno rimosso le automobili completamente incendiate. Ogni volta che esco me le ritrovo esattamente di fronte. Impiegheranno almeno una decina di giorni: con la mia è stato così, quasi un anno fa esatto. Sembra un monito, un modo per dirmi: guardati ora, guardati tutte le differenze.

Niente tempo per leggere blog. Niente tempo per ricordare. Niente tempo per il passato ne’ per il futuro. Sono in un incessante presente. Chi c’è, c’è. Il resto non esiste.

Ogni tanto ho la sensazione fisica che la terra stia tremando, che ci sia una scossa sismica. Poi mi rendo conto che è solo il mio cuore che mi sta battendo colpi eccessivamente veloci e forti dall’interno.

Cerco soluzioni ai problemi a due a due per non perdere nulla nel frattempo. Mi scorro le immagini come avessi un dito sul touch screen della mente e decidere rapidamente cosa mi serve e cosa posso lasciare in un angolo.  Quasi tutto va nel trash. Ci tornerò più tardi, forse, per scegliere cosa debba essere rimosso del tutto.

Cambio tutto in un attimo: progetti, emozioni, priorità, eventi, persone, atti. Cambio tutto e non ho paura di niente.

Se dovessi tatuarmi addosso una croce per ogni pensiero sepolto, avrei il corpo completamente nero.

 

 

Annunci

26 risposte a “

  1. I tuoi pensieri oggi sono nuvole grigie che si stagliano all’orizzonte. È come se stesse per scoppiare un temporale.

  2. poetella

    a me me sa che è già scoppiato….

  3. 21

    Allora non sono l’unico che percepisce un terremoto mentre si ha un po’ di tachicardia!

  4. Bia

    Urca, anche io sento il terremoto ed invece è solo il mio cuore!!! Scoprire di non essere l’unica mi tranquillizza 🙂

  5. bakanek0

    Ammore, questo brutto vizio di fare, fare, fare…
    Snaricio con disappunto e temo per il tuo deretano: non sia mai che si trasformi in segaligno. Sarebbe un’onta, una disdetta, una iattura per lo mondo intero e per il tuo divano in particolare!
    RIfletti. Vuoi davvero buttar via la tua vita così, facendo cose?

  6. O Telematica Signora, cosa posso dire se non che l’incessante presente, il qui ed ora, il minuto per minuto, è un faro che guida le mie azioni da troppo tempo? Il passato unicamente per riflettere, il futuro indifferente… incerto… dipende da quanto filo ha srotolato per te il buon Odino.
    Ricorda di passare a liberare il cestino una volta che hai finito, O Demonica Regina, se no peserà troppo a lungo.

  7. firesidechats21 ⋅

    Ripeti con me: “è tutto nella mia testa, è tutto nella mia testa, è tutto nella mia testa…” Non serve a nulla, ma distrae un po’.

  8. Topper

    Quanti pensieri! Non sottovalutare quel principio di influenza…

  9. viscrive

    Bello stile…e bella la metafora touch screen + cestino!

  10. poetella

    Tillaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...