Pubblicato il

Devono morì gonfi

Con gioia e commozione ho letto e preso nota degli awardsss (vorrei farvelo sentire pronunciato dalla mia voce secsi) che mi son giunti (provenienti peraltro da masculi adorati), ma, prima di gioire e cazzeggiare, devo porre fine a questa giornata dimmerda con un breve resoconto della suddetta, perchè, non dimentichiamolo mai, questo blog è il mio vomitatoio personale.

E dunque, mentre trafelata uscivo di casa per correre incontro ai mandaLini esaminandi ed esaminatori, con la coda dell’occhio notavo un mappazzetto di buste nella cassetta della posta. Andavo pertanto ad aprirle con la faccetta di chi sa che è sempre roba da pagare, quando, infilandomi sotto la metro, scorgevo su un bollettino la somma di 700 Euro.

Lor Signori immagineranno che coccolone m’è preso, soprattutto scoprendo che trattavasi di somma dovuta a seguito di multa, opposta dinanzi al GdP (Giudice di Pace), con esito negativo e non pagata, risalente al 2006. Sti bastardi – mi son detta – hanno quasi aspettato il termine di prescrizione della sentenza per mandarmi il regalino.

Naturalmente, avendo presentato ricorsi per un considerevole numero di multe che prendevo quando andavo a lavorare, così, sul momento, non mi sovveniva proprio di che cazzo stessimo parlando.

Così me ne sono andata a fare il mio esamino con la morte nel cuore, l’ansia e l’incazzatura.

Finito il medesmo, con una certa soddisfazione, sono andata con i compagni di meLende a fare una bella cenetta, mentre intanto mi facevo due conti in tasca e mi domandavo a chi cazzo chiedere l’ennesimo prestito.

Nel mentre, quasi a fine cena, ricevevo una telefonata del mio ex, l’ultimo, Ares, che dal pronto soccorso mi avvertiva di aver avuto un incidente in bicicletta, investito da un motorino, d’essersi spaccato il cranio, che, sibbene vuoto, sanguinava, e di aver riportato numerose altre lesioni nel corpo.

Tornavo, pertanto, a casa con una certa ansia, mentre mi attendeva al portone il mio migliore amico, per rilassarmi un po’ con le chiappe sul divano guardandoci una delle numerosissime serie tv, mentre ogni tot minuti telefonavo al pronto soccorso per avere notizie.

Ebbene, il lettore cd/dvd/usb e tutto il cazzo che si vuole, si rompeva, impedendomi così qualsiasi visione.

Rimasta sola a casa, mi accingevo quindi a controllare, attraverso lo spaziale collegamento ai terminali dei tribunali di tutto lo monno, che in quanto portatrice del titolo infame posseggo da anni, dicevo, mi accingevo a controllare l’oggetto dei miei patemi.

Controllavo.

Riguardavo.

Rileggevo.

Ma brutti testa di cazzo che sbagliate gli anni degli R.G.! (Registro Generale). Sti testa di minchia hanno fatto casino, prendendo il numero del mio ricorso, sbagliando l’anno e appioppandomi una sentenza non mia! Per inciso, quella di mia spettanza era di accoglimento totale, quindi stronzi all’ennesima potenza!

Ora io penso, mi dico e vi dico: io ci ho messo un cazzo a controllare, ma un poro cristo che non è avvezzo a certi meccanismi?

Perchè non è mica la prima volta eh… Ah no no!

Già mi mandarono una cartella esattoriale per una multa, già pagata e, fortunatamente, essendo io ossessivo compulsiva + avvocato, tendo a conservare tutto in maniera ordinatissima e mi sono salvata il culo.

Per non parlare di quando mi è stato recapitato un assegno della Banca d’Italia per una signora Tal de Tali, domiciliata presso di me. Peccato che io non avevo idea di chi fosse la fortunata beneficiaria. Un altro casino combinato da quelli del Comune che dovevano pagare le spese processuali di una multa opposta che non mi riguardava. Non mi riguardava ma son dovuta andare io, di persona, alla cazzo di Banca d’Italia e perdere una mattinata per la restituzione dell’assegno.

Ma mo m’hanno proprio rotto il cazzo!

Ma a me chi me lo ripaga il tempo perso, l’ansia, la rottura di coglioni di dovergli scrivere che si sono sbagliati come delle teste di minchia, i soldi delle raccomandate? Eh?

Devono morì gonfi! Ma gonfi!

P.S. Se a qualcun’altro dovesse capitare di ricevere una cosa che dice che in virtù di una sentenza del GdP  deve pagare un tot, controlli prima bene su questo indirizzo https://gdp.giustizia.it/sigp/, non avendo il collegamento spaziale ai terminali, non mostra il nome delle parti ne’ è possibile scaricare la sentenza in pdf, ma se c’è un errore si vede anche da qui.

Annunci

48 risposte a “Devono morì gonfi

  1. poetella

    e pure er linke!
    ‘mazza come te sei ‘ncazzata!
    Brava Tillè…

    ce sarebbe da scatena’ la protesta de massa!
    Famo?

  2. vittoriot75ge ⋅

    Spero proprio non sia la tua giornata tipo.

    • E’ la mia vita tipo. Penso di essere la persona più adatta da avere a fianco in ipotesi di drammi, catastrofi, emergenze: divento una macchina razionale ed efficiente, senza alcuna paura.
      Poi mi cago addosso a prendere la metro. E vabbè.

  3. Io direi che questo ginepraio burocratrico che ti tocca da vicino, a me piace.
    Perché la foga che in te produce, trasforma le tue scritture da bellissime ad eccezionali.
    Leggerti in questo passo è come star seduti a teatro a guardare il surreale.
    Un’opera che corre tra i pensieri napoletani di de filippo e la follia di kafka. Movimento e pause brevi che non ti danno il tempo di respirare.
    Ed allora, ancora leggendoti, mi ritrovo a sorridere, esclamare, preoccuparmi, trattenere il fiato. Il tutto, condito da una mimica facciale che, sul treno, si vede.
    E siccome la gente non si fa i cazzi suoi, sta li ad avvicinarsi – che? questo sta male?- e cercare nello schermo qualcosa di maligno che abbia la faccia di Eaco, il corpo di Minosse, la coda di Radamanto.
    – ma no, il tipo sta solo leggendo
    – ma va, minimo guarda un film.
    – e che cazzo di film è, che fa tutte quelle facce?
    -bho…
    Lieta fu quella lettera del gdp.
    Lieta per me, intendo.
    Buongiorno avvocato.
    Oggi si ascolta submotion orchestra – eyeline original mix

    • bakanek0

      Ecco, lo volevo dire io, paro paro.

    • Vagone Idiota (ma non c’è un nome, nomignolo, soprannome con cui posso chiamarti? Anche se, mi rendo conto, chiamare qualcuno così, “vagone idiota”, fa tanto teatro dell’assurdo), sei così gentile con me, spesso e volentieri, che sbatto le palpebre guardando il monitor, con la faccia da platessa, domandandomi: “Ma me starà a pjà per culo?”. E la trovo una cosa meravigliosa, perchè è così difficile trovare qualcuno in grado di farmi porre questa domanda, che non vorrei mai e poi mai sapere la risposta.
      Lo so, nella vita mi pongo obiettivi stravaganti, o stravagone.

  4. eh si…c’è da incazzarsi proprio.

  5. diamanta

    Stavolta cientopeciento come te:
    Devono morì gonfi! Ma gonfi!

  6. Link segnato, pò esse utile.
    Per la giornata dimmerda…shit happens. E poi hanno pure sbagliato, e, giustamente, si devono fottere.
    StraTilla, nonostante l’ora non proprio consona, ti offro un bicchiere di rosso, o magari tutta la bottiglia, e ci riallineiamo con l’universo, eh?
    Vitadimmerda!

    • Guarda, visto che sto rispondendo ora al commento, direi che l’ora va più che bene per qualsiasi bottiglia. Anzi, se fosse qualcosa di un filo più alcolico, sarebbe pure meglio.
      Io la vita me la inculo!

  7. marco

    Andiamocene via dall’itaglia

  8. harahel13

    Allora il mandalino plocede! 🙂

  9. rideafa.

    tilla ailloviù. breve, coinciso e tòh. tiettelo!

  10. Il mondo è ingiusto e quello della “giustizia” lo è ancora di più!!!!
    Ti bacio Tilla ♥ :*

  11. rodixidor

    E l’esame come è andato?

  12. che poi gran parte dei nodi sta proprio lì: il tempo. esistesse il 730 pure per quello, sarei a credito di giorni persi per i prossimi vent’anni. anche con franchigia oltre la centesima bestemmia.

  13. firesidechats21 ⋅

    Evviva Madre, baluardo contro le ingiustizie!

  14. giacani

    E’ bello leggerti così serena e accomodante, tollerante e bendisposta verso il prossimo…:-)

  15. Erre

    Mortacciloro. Ares come sta?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...