Pubblicato il

Non m’inganni: questa è una notte d’estate.

Si rivela, sinuosa e suadente, fare capolino in un lieve fremito di narici, dilatarsi nelle pupille, espandersi nel respiro.

L’eco muta di un sasso lanciato sull’acqua, un riverbero crescente di onde, un rametto d’edera avvinghiato alla gola, una scintilla pizzicata sulla pelle.

Dovrei forse deformarmi l’anima e mettere a tacere la sua voce invitante?

Potrei mai rinunciare a un accenno di tentazione?

Piuttosto do fuoco a Roma.

Annunci

28 risposte a “

  1. poetella

    ohhhhhhhhhhhhhhhhhh…
    mai rinunciare!
    mai mai mai!

  2. bakanek0

    Stepping out of the page into the sensual world
    Stepping out, off the page, into the sensual world.

    And then our arrows of desire rewrite the speech, mmh, yes,
    And then he whispered would I, mmh, yes,
    Be safe, mmh, yes, from mountain flowers?
    And at first with the charm around him, mmh, yes,
    He loosened it so if it slipped between my breasts
    He’d rescue it, mmh, yes,
    And his spark took life in my hand and, mmh, yes,
    I said, mmh, yes,
    But not yet, mmh, yes,
    Mmh, yes.

  3. rodixidor

    Tilla lirica. Bello, sarà effetto della luna ? 🙂

  4. Apprezzo sempre il finale tranciante. Quel “piuttosto do fuoco a Roma” di Neron-iana memoria.
    Come forse hai capito non sono un grandissimo fan delle deformazioni dell’animo, perciò la chiusura è quanto mai una salvezza in tal senso.
    Breve e veloce come gettare benzina. Sospeso come il cerino che tieni in mano finché non scotta troppo per buttarlo sul carburante versato.

    • Come forse ho capito, sì, lo so.
      “Sospeso come il cerino che tieni in mano finché non scotta troppo per buttarlo sul carburante versato.”, quanto sei visivamente americano, mannaggia a te.

  5. Scusa, scorpione, e cosa senti adesso?

  6. Il problema della tentazione è che dopo l’accenno si siedono a tavola e ti chiedono cosa c’è per cena… dalla tentazione all’abitudine c’è il tempo di un sorbetto.
    :* ♥

  7. firesidechats21 ⋅

    Boh, di che vi fate voi bloggerz fighi che scrivete così impegnati e saggi. A me l’estate, più che parole ed emozioni, fa venire la sudarella facile.

    • VOI BLOGGERZ FIGHI??? Stai parlando a Madre! Usi il “voi generalizzante”???
      Diomio diomio! Che successe al mi FigliUolo?!

    • Non diventare il solito ragazzino deficiente che scrive tutto “uuuuuu” “aaaaaa”, che si vanta di tutte le cose che non è capace di fare come un rincojonito imbranato, che prima di dire “ciao” a qualcuno deve calcolare se farà o no brutta figura, ecc. ecc., perchè vengo a strangolarti con le mie mani.
      Non posso permettere che il tuo straordinario cervello e le tue peculiarità uniche vengano spappardellate dalla coglionaggine giovanile che sono costretta a vedere ovunque.

  8. diamanta

    Sempre detto che il caldo da alla testa 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...